Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Benvenuti nella biodiversità
Roccacalascio (M. Anselmi)
Home » Territorio e Natura » Progetti LIFE

Progetto LIFE+ Fagus

Le foreste degli Appennini: buone pratiche per coniugare l'uso e la sostenibilità

Presentazione
L'obiettivo principale del progetto FAGUS è assicurare la conservazione a lungo termine di habitat prioritari nelle foreste dei Parchi Nazionali del Cilento, Vallo di Diano e Alburni e del Gran Sasso e Monti della Laga.
Le foreste sono tra gli ecosistemi più complessi del pianeta. In particolare, la vita nelle faggete appenniniche si esprime in numerose forme. Tra i vari gruppi che compongono la fauna e la flora sono presenti in tali ecosistemi quelli che risultano più significativi nello studio delle foreste temperate sono, oltre alle piante che sono i produttori primari più rilevanti e costituiscono la struttura dell'ecosistema forestale, i funghi ed i coleotteri saproxilici, ossia che hanno bisogno della presenza del legno morto, gli uccelli che sono legati alla presenza di "alberi habitat", i licheni che sono spesso legati alle caratteristiche delle cortecce degli alberi e le piante del sottobosco che emergono dalla lettiera.

Nell'ambito del progetto Life FAGUS i rilievi di questi gruppi tassonomici inizieranno in primavera. E' in via di definizione il piano di campionamento, che permetterà di trarre più informazioni possibili dai rilievi di campo sull'effetto delle azioni di conservazione previste attraverso uno schema di confronto tra aree di intervento ed aree di non intervento.

Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è beneficiario coordinatore del progetto Life+ Natura: "Forests of the Apennines: Good practices to coniugate Use and Sustainability" (FAGUS) per un importo di Euro 1.244.038.

Parter del Progetto è il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. I Dipartimenti di Biologia Ambientale dell'Università La Sapienza di Roma e dell'Innovazione nei Sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali dell'Università degli Studi della Tuscia, parteciperanno al progetto oltre che con il proprio staff, anche con la collaborazione di esperti di altri Enti.


Il Progetto FAGUS nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga

Il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga si caratterizza per una notevole diversità degli ecosistemi forestali, che difficilmente è possibile riscontrare in altre aree della penisola italiana. Tale diversità è dovuta sicuramente alla molteplicità di ambienti, contraddistinti dalle differenti caratteristiche geomorfologiche dei tre principali massicci montuosi che costituiscono l'area protetta. I boschi coprono oltre la metà dell'intera superficie del parco e le faggete con Tasso, Agrifoglio e Abete bianco (habitat cod. *9210 e *9220) sono le tipologie forestali maggiormente diffuse. Proprio la conservazione e la corretta gestione di tali formazioni, da attuare attraverso la sperimentazione di pratiche selvicolturali maggiormente sostenibili, rappresentano uno dei principali obiettivi da perseguire e, proprio in quest'ottica, il Parco ha aderito al progetto LIFE "FAGUS".

Le azioni previste dal progetto verranno realizzate in due specifici contesti ricompresi all'interno del Sito di Importanza Comunitaria IT7110202 "Gran Sasso". La prima area, individuata principalmente per la presenza dell'habitat 9220* "Faggeti degli Appennini con Abies alba", è la foresta demaniale di "Codaro - Campiglione", nel Comune di Crognaleto (TE), gestita sin dal 1955 dal Corpo Forestale dello Stato - Ufficio Territoriale per la Biodiversità dell'Aquila. Circa l'85% della foresta demaniale, che si estende per 320 ettari, è appunto caratterizzata da faggete con presenza di nuclei di Abete bianco. Proprio gli individui di Abete appaiono qui vigorosi e in rapido accrescimento. L'abbondante presenza di rinnovazione, inoltre, è indicativa della presenza di condizioni mesoclimatiche ideali per questa specie, considerata invece in quasi tutta Italia in forte declino a causa della maggiore competitività del faggio, dovuta anche alle mutate condizioni climatiche rispetto al periodo compreso tra 10.000 e 20.000 anni fa, quando l'abete trovava il suo optimum.

La seconda zona, individuata invece per l'abbondante presenza dell'habitat 9210* "Faggeti degli Appennini con Taxus ed Ilex", è ricompresa nei territori gestiti dalle Amministrazioni Separate per i Beni di Uso Civico di Intermesoli e Pietracamela (TE), anch'esse coinvolte nel progetto. Nella zona, dove sono le particolari condizioni climatiche a favorire l'abbondante presenza di Tasso e di Agrifoglio, sono presenti nuclei di boschi vetusti, tra i quali si annoverano il bosco Aschiero e il bosco di Fonte Novello, in cui vegetano esemplari di faggio di dimensioni monumentali e che raggiungono circa i 500 anni di età.

Approfondimenti e aggiornamenti del progetto su: www.fagus-life-project.eu
Seguici su FaceBook

La Mappa di Comunità

 
 
Grande faggio
 
Faggio Fungo
 
Picchio Rosso Maggiore
Netpartner: Parks.it
© 2017 - Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga via Del Convento,1 - 67010 Assergi (AQ)
Tel. 0862/60521 Fax 0862/606675 - E-mail: ente@gransassolagapark.it - Posta certificata - P.Iva 01439320662
Privacy - Note legali - Elenco Siti tematici - Note per la Fatturazione Elettronica