Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Benvenuti nella biodiversità
Ippovia (Archivio Ente Parco)
Home » Visitare il Parco » Borghi e Paesi

Calascio

La Rocca: il Castello più alto degli appennini

Distretto: Distretto Terre della Baronia
Provincia: L'Aquila Regione: Abruzzo | Localizza sulla mappa
Sito ufficiale: www.comune.calascio.aq.it

Descrizione e Cenni storici
La Rocca si erge ad un'altezza di 1520 m.s.l.m., ai confini di Campo Imperatore e domina il versante sud del Gran Sasso d'Italia. Il sottostante paese di Calascio si trova a 1200 metri di quota. In un documento del 1380 si ha la prima citazione di Rocca Calascio, intesa come torre di avvistamento isolata, ma la costruzione della torre è da collocarsi intorno all'anno 1000. Ad Antonio Piccolomini si deve attribuire, verso il 1480, la realizzazione delle 4 torri attorno all'originario torrione di Rocca Calascio, il muro di cinta attorno al paese e la ricostruzione di gran parte dell'abitato distrutto dal furioso terremoto del 1461. Nelle vicinanze della Rocca si trova la Chiesa di Santa Maria della Pietà, costruita dai pastori intorno al 1400 come ringraziamento alla Madonna quando i soldati dei Piccolomini respinsero, in una sanguinosa battaglia, un gruppo di briganti provenienti dal confinante Stato Pontificio. Punto di osservazione di elevata strategia militare, era in grado di comunicare, mediante l'ausilio di torce durante la notte e di specchi nelle ore diurne attraverso innumerevoli collegamenti ottici disseminati nel territorio, con i castelli della costa adriatica. Con la dominazione aragonese fu istituita la "Dogana della mena delle pecore in Puglia" e la pastorizia transumante divenne la principale fonte di reddito del Regno. Fu quindi un momento di notevole sviluppo per i paesi della Baronia che nel 1470 possedevano oltre 90.000 pecore e fornivano ingenti quantitativi di pregiata "lana carapellese" a città come L'Aquila e Firenze. Nel 1579 Costanza Piccolomini, l'ultima della famiglia, vendette la Baronia, il Marchesato di Capestrano e le terre di Ofena e Castel del Monte a Francesco Maria Dè Medici, Granduca di Toscana per 106.000 ducati. Nel 1703 un disastroso terremoto demolì il castello ed il paese di Rocca calascio: furono ricostruite solo le case nella parte bassa dell'abitato e molti abitanti preferirono trasferirsi nella sottostante Calascio. Nel 1743 il territorio passò sotto la dominazione Borbonica. Un progressivo spopolamento ha ridotto il numero degli abitanti della Rocca da circa 800 nel 1600 a zero nel 1957. Calascio, a sua volta, ha iniziato il suo declino a fine '800, subendo gli effetti di una massiccia emigrazione nei primi decenni del '900. Una popolazione di circa 1900 abitanti nel 1860, ridotta nel 1892 a soli 299. 

  • Abitanti: 169
  • Altitudine: 1214 metri slm

PDF L'Aria la pietra il fuoco (115Kb)
(tratto da Volume VIII , No. 30 (1995) della Rivista D'Abruzzo)


Emergenze Storico-culturali

  • La Rocca e la Chiesa Bramantesca (Rocca Calascio)
  • Cappella della Madonna della Pietà: del 1451 a pianta ottagonale sorge nei pressi della Rocca s su un piccolo pianoro a strapiombo
  • Chiesa di S. Nicola di Bari, arrichita da un portale ligneo del Cinquecento intagliato con scene dell'Antico Testamento e della vita del santo
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate, del 1645 dove oggi è possibile ammirare "Le tentazioni di Sant'Antonio nel Deserto" del Patini
  • Chiesa S. Maria delle Grazie

Curiosità

Oggi la Rocca è conosciuta dal grande pubblico per essere di frequente oggetto di grandi set cinematografici: tra questi "Lady Hawke", stupenda favola ambientata nel medioevo con Rutger Hauer e Michelle Pfeiffer e, più recentemente, un film su Padre Pio da Pietralcina.

Manifestazioni e Feste

  • 9 maggio: San Nicola
  • Prima o seconda domenica di agosto: Sagra del pecorino

Concerti di musica classica
Tutto l'anno, nei fine settimana, prove aperte e concerti dell' "Officina Musicale" diretta dal M° Orazio Tuccella.

Gastronomia: Prodotti legati alla pastorizia

Calascio
Rocca Calascio
 
Calascio
Rocca Calascio
 
Calascio
Calascio, Chiesa di Santa Maria della Pietà
 
Calascio
Calascio
 


Punti di Interesse
 
 
Soggiorni
Dove dormire a:
Calascio
Netpartner: Parks.it
© 2017 - Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga via Del Convento,1 - 67010 Assergi (AQ)
Tel. 0862/60521 Fax 0862/606675 - E-mail: ente@gransassolagapark.it - Posta certificata - P.Iva 01439320662
Privacy - Note legali - Elenco Siti tematici - Note per la Fatturazione Elettronica